Il progetto “WOW – Wheels on Waves” è solo l’ultimo dei tanti progetti promossi dall’Associazione Lo Spirito di Stella, nata nel 2003 per promuovere l’esperienza di “Lo Spirito di Stella”, il primo catamarano al mondo privo di barriere architettoniche. L’imbarcazione rappresenta la realizzazione di un sogno personale di Andrea Stella, costretto su una sedia a rotelle dopo un incidente avvenuto nel 2000 a Miami.

Preso atto che al mondo non esisteva un’imbarcazione a bordo della quale una persona disabile potesse essere autonoma e in grado di partecipare alle manovre, Andrea Stella trovò il modo di far realizzare un catamarano completamente accessibile, con il fondamentale supporto della propria famiglia.

A bordo di Lo Spirito di Stella, lungo 18 metri e largo 7.80 metri, gli spazi sono stati adattati in modo da poter ospitare le carrozzine in maniera funzionale. Un montacarichi interno a scomparsa consente di scendere dalla dinette alle cabine, rese accessibili grazie a uno studio preciso delle dinamiche di movimento delle sedie a rotelle e dotate di bagni accessibili. Sul catamarano è stato inserito un sistema di guida a “Sforzo Zero”: con un telecomando è possibile condurre la barca, muovere il timone e comandare i motori. Il catamarano è inoltre dotato di un seggiolino che facilita gli spostamenti tra poppa e prua per le persone che hanno difficoltà motorie.

Lo Spirito di Stella, il ben noto catamarano accessibile progettato da Andrea Stella, era partito a fine aprile da Miami – città per lui particolarmente significativa, in quanto proprio lì, diciassette anni fa, un proiettile vagante gli aveva leso la colonna vertebrale -, facendo tappa successivamente a Norfolk, Annapolis e Great Kills.
Quindi, a New York, l’incontro con il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, che gli aveva affidato in custodia la Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, che verrà consegnata in settembre a Roma, a Papa Francesco, dopo una serie di altre tappe europee, tra Portogallo, Gran Bretagna, Spagna e Francia.

Ora, dunque, dopo l’arrivo nel Vecchio Continente in giugno, la ripartenza,da Portimão in Portogallo, con nuovi protagonisti pronti ad entrare nella grande famiglia inclusiva di WoW.
Nelle diciannove tappe del lungo viaggio dagli Stati Uniti all’Italia, infatti, Lo Spirito di Stella ha ospitato e continuerà ad ospitare equipaggi diversi per origine, età, cultura e abilità differenti, tutti accomunati da storie di coraggio e determinazione.